Bisenti

AMHS_Shield_Abruzzo

By Nancy DeSanti


Province of Teramo, Region of Abruzzo

 

The small medieval town of Bisenti, located in the province of Teramo, has approximately 2,061 inhabitants.

The old part of Bisenti is still preserved in the streets and squares of the historic center. The Piazza Vittorio Emanuele overlooks the parish church of Santa Maria degli Angeli, which houses a majestic bell tower. According to tradition, the church is related to the Franciscan order. It was once considered one of the major basilicas of Abruzzo during the 15th and16th centuries. 

 

The town of Bisenti in winter.
Credit: Wikipedia

 

There is an old tradition linking the birthplace of Pontius Pilate, who had Jesus Christ crucified, to the village of Bisenti. There are ruins of a Roman house known as “The House of Pilate.” Many locations, most of them in modern Abruzzo, lay claim to being the birthplace of Pontius Pilate based on local legends. There are no clear historic records of Pilate before his nomination to the post of the governor of the Roman province of Judea.

However, the book “Io, Ponzio Pilato di Bisenti, written by local authors Angelo Panzone and Graziano Paolone, argues that Bisenti is Pilate’s most likely birthplace. For tangible proof of his presence in Bisenti, they say the water system and the building that locals call “Pontius Pilate’s House” has an underground aqueduct common in Middle Eastern countries. And in Bisenti, the authors say one finds an aqueduct similar to the hydro system in Jerusalem, which was supposedly built by Pilate with temple money during his time as governor in Judea. 

Human settlements of the Iron Age in the 8th century B.C. attest to the ancient origin of the center. The present village rose in the 12th century and belonged to the Anjou family, the Montecassino Monastery, and lastly the Acquaviva family.

 

What to See

  • The Castello, with two U-shaped towers from the 12th century 
  • The Casa Abbaziale of the 15th century, restored in the 18th century 
  • Church of Santa Maria degli Angeli, with its high belltower, of medieval origin but rebuilt in the early 18th century by Neapolitan Francesco de Sio, with a beautiful earthenware statue of the Madonna with Child probably by Gian Francesco Gagliardelli 

Important Dates

  • May 17 — Feast of St. Pascal Baylon, the patron saint
  • July — Sagra dell’Emigrante, Sagra della gastronomia Bizantina 
  • August 2 — Celebration in honor of Madonna degli Angeli, with a procession of women in traditional costumes 
  • First Sunday in October — Sagra Uva e Vino montonico, with a procession of allegorical carts and the singing of wine harvest songs.

   

Italiano

   
AMHS_Shield_Abruzzo

Tradotto da Ennio Di Tullio

Provincia di Teramo, Regione Abruzzo

Il piccolo comune di Bisenti, trova in provincia di Teramo, conta circa 2,061 abitanti.

La parte antica di Bisenti è ancora conservata nelle vie e nelle piazze del centro storico. Sulla Piazza Vittorio Emanuele si affaccia la chiesa parrocchiale di Santa Maria degli Angeli, che custodisce un maestoso campanile. Secondo la tradizione la chiesa è imparentata con l’ordine francescano. Un tempo era considerata una delle basiliche maggiori d’Abruzzo nei secoli XV e XVI.

Esiste un’antica tradizione che lega il paese natale di Ponzio Pilato, che fece crocifiggere Gesù Cristo, era al paese di Bisenti. Ci sono rovine di una casa romana conosciuta come “La casa di Pilato.” Molte località, la maggior parte delle quali nell’Abruzzo moderno, rivendicano di essere il luogo di nascita di Ponzio Pilato sulla base di leggende locali. Non ci sono chiari documenti storici di Pilato prima della sua nomina alla carica di governatore della provincia romana della Giudea.

Tuttavia, il libro “Io, Ponzio Pilato di Bisenti,” scritto dagli autori locali, Angelo Panzone e Graziano Paolone, sostiene che Bisenti sia il luogo di nascita più probabile di Pilato. A testimonianza tangibile della sua presenza a Bisenti, si dice che il sistema idrico e l’edificio che i locali chiamano “Casa di Ponzio Pilato” abbia un acquedotto sotterraneo comune nei paesi mediorientali. E a Bisenti, dicono gli autori, si trova un acquedotto simile al sistema idrico di Gerusalemme, che sarebbe stato costruito da Pilato con i soldi del tempio durante il suo periodo come governatore in Giudea.

Insediamenti umani dell’età del ferro nell’VIII secolo A.C. attestano l’antica origine del centro. L’attuale borgo sorse nel XII secolo e appartenne agli Angioini, al Monastero di Monte Cassino, e infine agli Acquaviva famiglia.

 

Le attrazioni del luogo:

  • Il Castello, con due torri a forma di U del XII secolo
  • La Casa Abbaziale del XV secolo, restaurata nel XVIII secolo
  • Chiesa di Santa Maria degli Angeli, con il suo alto campanile, di origine medioevale ma rifatta agli inizi del ‘700 dal napoletano Francesco de Sio, con una bella statua in terracotta della Madonna col Bambino probabilmente di Gian Francesco Gagliardelli

Date da ricordare:

  • 17 maggio — festa di San Pascal Baylon, patrono
  • Luglio — Sagra dell’Emigrante, Sagra della gastronomia Bizantina
  • 2 agosto — Festa in onore della Madonna degli Angeli, con processione di donne in costumi tradizionali
  • Prima Domenica di ottobre — Sagra Uva e Vino montonico, con sfilata di carri allegorici ed il canto dei canti della vendemmia.

 

Sources:
https://en.wikipedia.org/wiki/Bisenti
https://www.italyheritage.com/regions/abruzzo/teramo/bisenti.htm
https://www.abruzzissimo.com/2020/10/12/pontius-pilate-from-bisenti-in-abruzzo

January/February 2023

Leave a Reply